Loading...

Guida alla posatura del microcemento

In un precedente articolo avevamo già presentato il microcemento, adesso ne
vediamo da vicino l’applicazione.

L’installazione del microcemento è generalmente costituita da più strati molto sottili
applicati utilizzando una spatola di acciaio.
Il risultato finale è una finitura con effetto cemento levigato, che lo rende una scelta
ottimale ed esteticamente gradevole sia per ambienti commerciali sia per ambienti
residenziali. Inoltre l’applicazione del microcemento non riguarda solo la
pavimentazione, ma anche pareti, soffitti, scale e complementi di arredo.

Vediamo le fasi che questa attività comporta.
1) Preparare il pavimento di base
Prima di iniziare la posa, bisogna prepara la superficie di supporto assicurandosi che
sia asciutta e priva di polveri.
2) Utilizzare una base di qualità
Per un’installazione di microcemento ottimale, è fondamentale avere una base di
qualità il più piatta possibile.
Questo perché le superfici ruvide possono causare un minor controllo sulla finitura
complessiva e piccole differenze indesiderate di profondità.
Se la base che si ha a disposizione non è in condizioni adeguate si consiglia di
posare una mano di livellante prima della posa del microcemento.

Dopo questa fondamentale fase di carteggiatura e pulizia, cominciamo a preparare il
supporto alla posa.

3) Applicare la rete
Una volta che la base è pulita e priva di ogni possibile residuo si applica la rete in
fibra di vetro e la si sigilla. che ridurrà la tendenza alla fessurazione all’interno del
cemento.

4) Applicare fondo cementizio e miscela con polimero
Per dare solidità e durezza all’impasto e migliorarne la lavorabilità, utilizzare una
miscela modificata con polimeri. Riempire la rete con la miscela versando
direttamente piccole quantità direttamente su di essa.
Ciò va eseguito in seguito all’applicazione di fondo cementizio, quale per esempio barriera-cem.

5) Asciugatura e indurimento.
A questo punto bisogna aspettare che gli strati applicati si asciughino. Questo può
richiedere tra le diciotto e le quarantotto ore.

6) Carteggiatura e pulizia con orbitale e monospazzola
Lucidare il cemento con strumenti abrasivi e pulire.

7) Applicare prima la base e poi due mani di microcemento
Versare piccole quantità di impasto sulla superficie e spatolare. Una volta asciutto,
sarà necessario carteggiare nuovamente. Si consiglia di applicare due mani di
microcemento.

Per noi di Ideal Work questo è il momento in cui si applica il Finish Coat, prima e
seconda mano. A ciò seguono ulteriori fasi di asciugatura, carteggiatura e pulizia con
panno umido.

8) Applicare Primer e Sigillante Poliuretanico (PU ) ed eventuali altri trattamenti
protettivi
Infine si applica un pre-sigillante, seguito da un sigillante PU per ottenere l’aspetto
finale desiderato.

Un rivestimento in microcemento può fare davvero la differenza nei propri ambienti.
Consigliamo però di non improvvisarne l’applicazione ma di affidarsi a professionisti,
come i posatori di Ideal Work, e di utilizzare prodotti di alta qualità.